1 trieste luca.jpg20141005_142508.jpganguane davide 1.jpganguane michela 1.jpgarsiero grotta della cava.jpgasiago.jpgbuso delle anguane.jpggrappa.jpgingresso spaurasso.JPGmanu e luci g estate.jpgmarina grotta cava.jpgmartina anguane bis.jpgpiero rana.jpgpipistrello.jpgpisatela.jpgsan luca.jpgsilvia anguane.jpgteleferica.jpgtrieste 3.jpgtrieste aurora.jpgtrieste.jpgvale scala.jpg

News e racconti dal Gruppo Speleologico CAI Marostica I barbastrji

Quattro anni di festa a Pian di Pozzo

22 giu. 2017  Il nostro gruppo speleo compie poco più di 4 anni anche se alcuni dei suoi membri sono speleologi da oltre 20. Tra le prime speleologhe e fondatrici del gruppo c'è la nostra Marina Presa che avendo una tenuta in mezzo ai boschi attrezzata di tutto punto per fare festa con grigliata all'aperto, ospita tutti gli anni la festa dei barbastrji al fresco che viene giù dall'Altopiano fino qui, sulle le colline di Laverda. LEGGI TUTTO

 

20170617 213631

 

Sopralluogo al Buso Barboia e dintorni

20 giu. 2017  Di recente stiamo frequentando molto il Monte Corno, per visionare cavità già esplorate sia per esplorazioni. Domenica abbiamo deciso di fare un sopralluogo al Buso Barboia fra le malghe Mazze inferiore e superiore, anche perchè ci sembrava potesse avere tutte le carte in regola per utilizzarlo come grotta didattica nel nostro programma di divulgazione per non speleologi. Saliamo dalla vecchia mulattiera che portava a due grandi cave una delle quali attualmente attrezzata a palestra di arrampicata. LEGGI TUTTO

 

DSCN7227

 

Ancora allo Sprunch

20 giu. 2017  Venerdì sera siamo tornati all'Abisso del Monte Sprunch o Sprunk di Asiago per rivedere, fotografare e fare un attrezzamento diverso di questa grotta dalla triste storia di foiba ed ex discarica di rifiuti urbani anche in funzione dell'organizzazione di un futuro evento di bonifica e di divulgazione. Siamo due barbastrjie: io, Ludmila Moraru e Pasquale Difonzo del Gruppo Grotte Giara Modon. Iniziamo a scendere il pozzo di circa 80 m di profondità che LEGGI TUTTO

sprunk 1

 

Esplorazione per così dire, del Buso del Camperista deluso

12 giu. 2017  Ieri, dopo aver passato tutto il giorno precedente in esplorazione a Foza, volevamo trascorrere una giornata di relax ma anche di speleologia, senza troppo impegno e rientrando presto a casa. La giornata giusta per dare un'occhiata ad una fessura soffiante che avevano notato Massimo Santini e Silvia Carlesso sulla strada che collega il monte Corno ad Asiago, alle pendici del Monte Sprunch LEGGI TUTTO

 

DSCN6890

 

Esplorazioni affacciati sulla Piana della Marcesina

12 giu. 2017  Sabato dopo quasi un anno, siamo tornati a riesplorare la zona di Bosco Motta, ovvero alcuni dei versanti che si affacciano sulla Piana della Marcesina (Foza). L'anno scorso eravamo riusciti a passare la strettoia iniziale di un buco che soffiava fuori una potensissima aria fredda avanzando una quindicina di metri dentro un bel meandro carsico per poi purtroppo rifermarci nuovamente. LEGGI TUTTO

  

DSCN6714

 

Test di rottura su materiali speleo

04 giu. 2017  Venerdì scorso in occasione di un trekking che abbiamo organizzato tra Umbria e Marche abbiamo avuto occasione di portare a testare alcuni materiali speleo presso il laboratorio del CENS a Sigillo, ai piedi del Monte Cucco (PG). Il Centro Escursionistico Naturalistico Speleologico è un'associazione che vuole valorizzare e tutelare l'ambiente montano e i risultati degli studi condotti nei decenni di attività dei suoi soci hanno fatto la storia della speleologia italiana e non solo nell'ambito delle conoscenze sulla speleogenesi, sui materiali e sulle tecnche speleologiche. In quest'occasione abbiamo testato materiali dalla storia variegata LEGGI TUTTO

  

DSCN6508

 

Disarmo e campo all'Abisso Gulliver

31 mag. 2017  E' stato un lungo week end quello che abbiamo passato in una delle tre grotte più fonde del Monte Grappa: l'Abisso Gulliver. Entrati sabato notte in sei: io, Maurizio Mottin, Silvia Carlesso, Elena e Francesca Giachin e Ludmila Moraru con lo scopo disarmare e portare fuori le corde vecchie dalla parte più fonda della grotta fra circa -330 e - 180 m. A -200 è allestita una tenda per fare bivacco così LEGGI TUTTO

 

DSCN6143

 

Sopralluogo a Lastaro

31 mag. 2017  Luce, guanti, termometro, levarino, macchina fotografica, sono gli strumenti di oggi per le grotte della Val Lastaro. Sono 19 °C in esterno, la giornata è uggiosa ma piacevole, al Buso delle Frane però a pochi metri dall'ingresso la temperatura segna 5 °C. La grotta sta buttando fuori il gelo immagazzinato d'inverno e in fondo ci sono gli ultimi centimetri di ghiaccio. Alla Raissa il termometro segna invece 8 °C. Piene importanti non se sono passate, tutto è rimasto più o meno com'era. Mi dirigo nel bosco dove avevo trovato una fessura che questo inverno buttava fuori una grande corrente d'aria, ora spenta. Riesco presto a capire che è una fessura riempita di sassi e già togliendo i primi si apre un vuoto sotto, purtroppo dai contorni di una lunga fessura impraticabile. Il sopralluogo continua in mezzo all'erba lunga dei pascoli dove proprio in queste ore sono tornate le mucche. Mi sguscia davanti un bel leprotto cicciotto, alcune cornacchie fanno casino sui pini così come un cervo che continuerò a disurbare con la mia presenza qua e là. La valle è piena di soffioni, decine di migliaia almeno, pronti ad esprimere altrettanti desideri. Valentina Tiberi

 DSCN6256

 

 

Spaluga di Lusiana, discesa dal secondo ingresso

24 mag. 2017  Forse tutti sanno che sono due le maestose voragini che permettono di accedere al salone della Spaluga di Lusiana, ma pochissimi speleologi sono scesi da entrambe. Di solito si predilige la via che dall'ingresso più vicino alla strada permette di calarsi fino ad una grande cengia che guarda il nero salone tanto grande da contenere la piazza di Marostica. L'altro ingresso avevamo iniziato a scenderlo un anno fa ma poi LEGGI TUTTO

 

DSCN5877

 

Buso del Corno

23 mag. 2017  Il Buso del Corno è un bellissimo pozzo-canyon carsico profondo 71 metri che si apre quasi sulla cima dell'omonimo monte di Lusiana. E' stato intercettato dall'attività di una vecchia cava nel rosso ammonitico e il ripristino ambientale dell' ex sito estrattivo ha previsto la conservazione di questa cavità con tanto di scalinata di pietra che arriva al suo imbocco, il tutto opportunamente recintato e con tabelle che invitano a prestare la giusta attenzione. Subito sopra, il bellissimo e curatissimo labirinto LEGGI TUTO

 

DSCN5668

 

 

L'irrecuperabilità degli Sprunk

19 mag. 2017  La Voragine Sprunk o Abisso del Monte Sprunch è una delle grotte dell’Altopiano di Asiago utilizzate fino a qualche decennio fa come discarica autorizzata di rifiuti urbani. Non è certo l’unica, ve ne esistono numerosissimi esempi in tutta Italia. E mentre alcuni abissi sono stati riempiti fino al colmo tanto che oggi nessuno passandoci sopra si accorgerebbe di alcun che, lo Sprunch ha salvato i suoi primi 80 m di stupendo pozzo carsico, esplorato speleologicamente a partire dagli anni sessanta dai triestini e dagli asiaghesi anche se qualcuno si è probabilmente calato dentro ben prima, come ha potuto, nel tentativo di recuperare forse i resti di 12 soldati gettati dentro nel 1916. Dunque una triste storia la sua, LEGGI TUTTO

 

Voragine Sprunk o Abisso del M. Sprunch

18 mag. 2017  Con i suoi oltre 80 m di una splendida verticale di roccia sarebbe tra le grotte più belle e maestose dell'Altopiano di Asiago, se non fosse per il suo triste destino che ha riservato a questa cavità naturale l'onere di diventare una foiba nel 1916 e una discarica di rifiuti urbani che, sebbene dismessa da decenni, continua a diventare la sede di scarichi abusivi. Oggi l'abbiamo scesa LEGGI TUTTO

 

DSCN5451

DSCN5404

 

Bus de la Spia, il drago inquieto dentro la montagna

14 mag. 2017  L'odierna visita didattica al Bus de la Spia di Sporminore in Val di Non (TN), li ha meritati davvero tutti i tanti chilometri che i partecipanti hanno fatto per poter visitare questa particolarissima cavità naturale (qualcuno è venuto persino da Firenze). Questa è la seconda uscita didattica di open day speleo che abbiamo organizzato nel 2017 e questa volta siamo voluti andare un po' più fuori porta per rimanere ammaliati da un fenomeno idrologico rarissimo da osservare; esperienza che rimarrà sicuramente impressa nella mente di tutti noi. LEGGI TUTTO

 

DSCN5023

 

Al Buso della Rana con i nostri "Aquilotti"

14 mag. 2017  Domenica 7 maggio secondo appuntamento con i nostri ragazzi dell'Alpinismo giovanile "gli aquilotti" del CAI Marostica, quest'anno portandoli a conoscere una delle grotte più straordinarie che abbiamo vicino casa: il Buso della Rana di Monte di Malo. Un sistema sotterraneo lungo ormai una quarantina di chilometri per gran parte orizzontali con un porcorso interno misto dove di speleologico non manca niente: dalle grandi gallerie, alle sale, alle strettoie, alle scalette e l'immancabile acqua del torrente sotterraneo che domenica era bello rigoglioso. LEGGI TUTTO

 

DSCN4693

 

Tecniche d'armo all'Abisso Est 

04 mag. 2017  Non manca anche il primo maggio un'uscita in grotta dei barbastrji, in particolare torniamo dopo quasi un anno all'Abisso Est di Campo Rossignolo di Lusiana per far fare alle nostre apprendiste speleologhe una giornata di esercitazione d'armo in quella che è una delle più suggestive grotte dell'Altopiano. I primo 90 m sono forse i più belli:  LEGGI TUTTO

 

DSCN4672

 

Bus de la Spia: scadenza iscrizioni

02 mag. 2017  Ricordiamo che le iscrizioni per l'uscita didattica al Bus de la Spia in programma per domenica 14 maggio scadono giovedì 11. E' dunque ancora possibile partecipare a questa giornata in grotta rivolta a non speleologi. Vi guideremo alla scoperta di una cavità straordinaria della Val di Non (TN) caratterizzata da un fenomeno unico che vede le acque della grotta muoversi creando un caratteristico brontolio. Il percorso, orizzontale, è adatto a chi non ha mai fatto un'esperienza in grotta. Un'escursione per avvicinarsi al mondo delle grotte dunque, andando alla scoperta di come si formano i vuoti dentro le nostre montagne e le loro bizzarre forme. Non esitate a chiedere ulteriori informazioni! Vi aspettiamo!

 

 

 

Abisso di Monte Oro fino a -250

02 mag. 2017  Per domenica scorsa avevamo deciso di fare visita ad una grotta di casa che conoscevamo poco o per nulla. La scelta è caduta sull'Abisso di Monte Oro, una grotta del Monte Grappa che con i suoi -501 m di profondità si piazza fra le 3 più profonde del massiccio. L'esplorazione, tutt'ora in corso è portata avanti dal Gruppo Grotte Giara Modon. LEGGI TUTTO

 

DSCN4621

 

ll ricordo di una tipica esplorazione a Marostica

 a28 apr. 2017  Alcune giornate di speleologia seppure ricche di grandi emozioni sono state raccontate un po' in fretta magari perchè svolte in contemporanea con tante altre. Me ne è venuta in mente giusto una datata proprio un annetto fa qua a Marostica. Voglio raccontarla perchè sintetizza come non serva andare lontano per incontrare una parte di natura nascosta e questo mi entusiasma forse più che esplorare un luogo che profuma già di grandi aspettative. A Marostica l'esplorazione si può fare anche mentre si torna a casa dalla spesa, prima di preparare il pranzo. LEGGI TUTTO

 

DSCN3242

 

Sotto Lastaro c'è ancora ghiaccio

27 apr. 2017  E' quasi pronta al risveglio primaverile la bella valle con i suoi getti d'erba più verde che sembrano fare a gara per raggiungere il cielo e c'è nell'aria un'attesa indefinita del ritorno delle mucche al pascolo. Come un coperchio tuttavia la pioggia e le nuvole basse di questi giorni frenano questo frizzante ritorno alla vita anche se le temperature miti decretano chi ha già vinto questa lotta, almeno alla luce del sole. Nel buio delle grotte infatti regna ancora un rigido inverno che gela i reni anche solo affacciandosi ad esempio al Buso delle Frane dove permangono placche di ghiaccio qua e là. LEGGI TUTTO

 

DSCN4423

 

Dieci metri e non vederli

26 apr. 2017  Brevissima new dal marosticense. L'altra sera siamo tornati ai Fodati di Marostica, questa volta attrezzati per bene per scoprire cosa riservasse un buco segnalatoci qualche settimana fa. Tolta la terra e i sassi che ostruivano l'ingresso, ecco davanti una bella condottina carsica. Il sasso rotola lungo le sue lame, torna un po' indietro e cade in un ambiente apparentemente grande dopo aver fatto un salto di una decina di metri. Lavoriamo per un paio d'orette e si fa presto notte. Lo stretto cunicolo al momento ci separa inesorabilmente dai dieci metri di quella che forse è una nuova grotta. A quanto pare questo buco che è lo scarico naturale di una valletta dovrà ancora aspettare, speriamo non troppo, per farci scoprire cosa ci sia sotto. Speriamo a presto nuovi aggiornamenti. Squadra esplorativa: Valentina Tiberi, Massimo Santini, Silvia Carlesso. 

 

buco fodati 1

 

 

Gallerie militari del Lusianese

26 apr. 2017  Per la giornata di ieri avevamo in programma di esplorare un'altra forra tra Marostica e Lusiana sperando nell'apparente finestra di bel tempo del mattino, invece la pioggia, arrivata già dalla sera prima ci ha rovinato i piani di una giornata che sarebbe stata ricca di emozioni. Perchè ci saremmo ritrovati ripetutamente davanti a qualcosa di ignoto, non importa se già esplorato o meno, una valle stretta con salti di roccia da scendere con le corde, un posto nascosto dalla vegetazione, una linea scura che taglia diritta un ripido versante fino alla forra del Laverda. LEGGI TUTTO

 

DSCN4348

 

Valorizzazione e ricerca nella Forra del Laverda

21 apr. 2017  Il torrente Laverda è uno dei nostri principali corsi d'acqua pedemontani. Nei suoi tratti montani una parte della sua asta è caraterizzata da bei salti di roccia percorribili con tecniche speleo-alpinistiche-canyoning; luoghi selvaggi ed inaspettati a due passi da casa. Negli ultimi mesi vi abbiamo fatto diverse uscite di esplorazione, alla ricerca di nuove grotte, di documentazione e di attrezzamento per poter frequentare, seppure con le opportune tecniche, questo luogo magico, interessante anche dal puto di vista geologico perchè proprio qui LEGGI TUTTO 

 

laverda barbastrji 1

 

 

Breve new: buchi che si aprono dietro casa

11 apr. 2017  Della serie che le cose nascono spesso nei modi più curiosi ed inaspettati, domenica mentre ci attrezzavamo per affrontare l'uscita con i nostri ragazzi dell'alpinismo giovanile del CAI Marostica, si è avvicinato un signore dicendoci che nella sua proprietà si è aperto un buco. Abbiamo così voluto sfruttare la giornata organizzando un sopralluogo per la sera stessa, nonostante la stanchezza, ritrovandoci di fronte ad una cavità promettente che sembra avere una interessante prosecuzione LEGGI TUTTO

 

buco brun

 

I ragazzi del nostro CAI giovanile alla scoperta di una Marostica selvaggia ed inaspettata

11 apr. 2017  Ogni anno la nostra sezione CAI di Marostica organizza i corsi di Alpinismo giovanile destinati a bambini e ragazzi fino a 17 anni. Il programma, molto variegato, prevede uscite per far conoscere la montagna in tutti i suoi aspetti compresa la speleologia. Quest'anno abbiamo voluto far provare ai ragazzi l'emozione di scoprire posti inaspettati a due passi da casa. Non serve andare lontano per ritrovarsi dentro paesaggi bellissimi e selvaggi. Nel 2016 gli speleo del nostro gruppo dei Barbastrji LEGGI TUTTO

 

 val degli scrocchi barbastrji e aquile cai marostica 1

 

 

CLICCA QUI PER LEGGERE I RACCONTI DELLE ATTIVITA' PRECEDENTI 

 

 

Tutto il materiale contenuto in questo sito è di proprietà del Gruppo Speleologico CAI Marostica I barbastrji

NB L'accesso e la visita delle cavità presentate in questo sito richiedono una specifica preparazione speleologica o la guida di uno o più  speleologi al fine di affrontare i percorsi con ragionevole sicurezza. Il Gruppo Speleologico CAI Marostica I barbastrji declina ogni responsabilità derivante dall'uso improprio e negligente delle informazioni contenute in questo sito. Si ricorda che la frequentazione delle grotte è un' attività che presenta dei rischi.

 

Letto 130382 volte
Joomla templates by a4joomla